300518

Ci sono cose che mi fanno imprecare, per esempio gli allestitori sadici della Coop che spostano i bicchierini di plastica per il caffè nel punto opposto del supermercato rispetto a dove li ho sempre trovati.
Ci sono necessità che mi perplimono, come il tempo di riflessione che si concede una donna davanti alla scelta tra due marche di fagioli borlotti (o erano ceci… boh!).
Ci sono idee che mi inseguono senza mai raggiungermi, dubbi che mi assalgono nel cuore della notte o su questo prato primaverile tra refoli di sudore, birra calda e lattee scollature.

In che lingua pensa Dio? Babbo Natale non va in Africa perché non ci sono i camini? Perché da bambino pensavo che lo sarei stato per sempre? Come si torna indietro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *